Corso online di DIZIONE

“Parlare in dizione non vuol dire solo correggere “e” e “o” come comunemente si crede; né vuol dire esprimersi in maniera affettata.
Parlare in dizione vuol dire esprimersi in modo che il nostro interlocutore non faccia fatica a capire quello che diciamo, che non provi fastidio per la nostra “s” sibilante o per la nostra “r” poco arrotata, che comprenda per intero le nostre frasi, che non senta la nostra ansia nel non saper dove e quando prendere fiato mentre parliamo.
Perché spesso non è importante solo quello che si dice ma come lo si dice…”

Contenuti

Il Corso intende affrontare quelli che sono i principali problemi di pronuncia e articolazione nel parlato e nella lettura, in modo da poter offrire metodologie e strumenti per una corretta pronuncia, contribuendo a eliminare la cadenza regionale.

Pertanto, attraverso letture ed esercizi appositi, verranno analizzati e corretti i fonemi della lingua italiana con particolare attenzione a “e” (aperta e chiusa), “o” (aperta e chiusa), “ci”, “gi”, “gn”, “gl”, “sci”, “z”(sorda e sonora), “r”, “s” (sorda e sonora); saranno applicati esercizi e suggerite letture per pronunciare le doppie, esprimere le interrogative, effettuare una buona articolazione e scansione, sostenere le parole, imparare a chiudere le frasi, prendere le giuste pause, regolare i respiri.

Informazioni

Data inizio: 2 Novembre 2020
Giorno: Lunedì
Orario: dalle 21:00 alle 22:30
Numero lezioni: 10
Tipologia corso: Online
Livello: Base
Piattaforma: Zoom
N° Max partecipanti: 12

Costo: 125,00 €
(Compreso materiale didattico in formato digitale)

N.B.: alla fine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione stampabile in formato digitale.

N.B.: La pre-iscrizione non è vincolante e ha lo scopo di raccogliere adesioni per definire il numero di partecipanti al corso che partirà solo al raggiungimento del numero minimo. L’iscrizione sarà effettiva solo previo pagamento della quota.

Docente

Antonino Varvarà

Ha frequentato la Scuola di Recitazione del Teatro Stabile di Genova, studiando con Anna Laura Messeri, Marco Sciaccaluga, Eros Pagni, Giorgio Gallione, Gian Maria Volonté.
E’ stato Direttore Artistico del Teatro Aurora di Venezia Marghera e Regista e Drammaturgo della Compagnia Questa Nave di Venezia.
Vincitore nel 1991 del Premio “Differenti Sensazioni” con lo spettacolo Città d’acqua; e nel 2010 del Premio dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro per la ventennale attività registica con la Compagnia “Questa Nave”.
La Biennale Teatro di Venezia, diretta da Maurizio Scaparro, ha coprodotto e ospitato tre sue regie: Orlando Furioso ovvero la Fine del Mondo (2006), Il padre di famiglia (2007) e Mare Mio (2008).
Ha insegnato Recitazione presso la Scuola di Teatro Foyer di Venezia ed è stato docente di Dizione e Lettura all’Accademia Teatrale Veneta di Venezia e di Lettura alla Civica Accademia d’Arte Drammatica Nico Pepe di Udine.
Ha collaborato col Prof. Luciano Canepari, docente di Fonetica all’Università Ca’ Foscari di Venezia, alla stesura del “Manuale di pronuncia dell’italiano standard – Edizione Zanichelli”.
Ha condotto Corsi di Lettura Espressiva, di Impostazione della Voce  e Dizione per diversi enti.
Come lettore ha collaborato a Venezia con la Biblioteca Nazionale Marciana, con l’Ateneo Veneto e con l’Università Ca’ Foscari; a Vicenza col Festival di Poesia Poetry, con la Società Dante Alighieri, con la Casa Editrice Neri Pozza, con l’Associazione Pigafetta 500 e con l’Accademia Olimpica-Teatro Olimpico.